home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
| | stampa scheda
 
scarica immagine
Ward
Acqua e comunità

traduzione di Roberto Ambrosoli

2024 - I ed. 2003
 
l'opera
Una riflessione a tutto campo che riafferma in maniera forte l'esigenza di un controllo locale e comunitario sull'acqua.

L'acqua è una risorsa primaria per l'esistenza umana, un bene comune che appartiene a tutti. Eppure, dalla crescente tendenza alla privatizzazione al dislocamento di milioni di persone per la costruzione di enormi dighe, l'acqua è sempre di più una merce controllata non dalle comunità locali ma da imperi finanziari e multinazionali. A partire da queste premesse, Ward analizza l'ineguale distribuzione idrica su scala mondiale, evidenziando come l'acqua per il consumo umano sia oltretutto sempre più scarsa, cara e inquinata. Eppure, lungo tutta la storia, le comunità locali hanno sviluppato modi d'uso che hanno assicurato una corretta distribuzione di una risorsa limitata e vitale: una lezione particolarmente attuale in un'epoca in cui il cambiamento climatico e l'emergenza idrica sono una realtà quotidiana per milioni di persone.
l'autore [scheda autore]
Colin Ward (1924-2010) è stato architetto, giornalista, insegnante, ma soprattutto uno dei maggiori pensatori anarchici della seconda metà del XX secolo.
dello stesso autore
DOPO L'AUTOMOBILE - per un nuovo modello di mobilità
Acqua e comunità - contro la privatizzazione di un bene comune
ANARCHIA COME ORGANIZZAZIONE -
ARCHITETTURA DEL DISSENSO -
L'EDUCAZIONE INCIDENTALE -
L’ANARCHIA, UN APPROCCIO ESSENZIALE -
LO SGUARDO ANARCHICO -
percorsi di lettura
ARCHITETTURA E URBANISTICA
DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE
ECOLOGIA