home page borsa acquisti
editrice elèuthera foreign rights media catalogo universita percorsi eventi contatti  
scheda libro
 
scarica immagine
Ehrenreich
UNA STORIA DELLA GIOIA COLLETTIVA

traduzione di Elena Cantoni

Aprile 2024
344 pp.
€ 22,00
€ 20,90
EAN 9788833022352
 
l'opera
Per diecimila anni l'umanità si è riunita nei campi, nelle piazze e persino nei templi per abbandonarsi a feste sfrenate e raggiungere, soprattutto con la danza, uno stato di beatitudine condivisa. Questa millenaria abitudine in Occidente ha resistito fino al XVI secolo, per poi scomparire progressivamente. Chi ha ucciso la gioia collettiva, e perché? Questa indagine storica dà alcune risposte, ma è soprattutto un inno alla libertà di godere. Insieme.

Come testimoniano i rituali del Paleolitico, il culto di Dioniso o le pratiche danzanti del cristianesimo medievale, in passato le società umane hanno sempre dato vita a momenti di festa ed estasi collettiva. Un invito a «perdersi» che permetteva a ognuno di entrare in comunione diretta con gli altri (e con il divino). Perché allora questa festività spontanea, un tempo così diffusa, oggi è quasi scomparsa, se non nella forma di un consumo passivo? Perché il suo afflato liberatorio ha sempre più scatenato nelle élite il timore – in effetti giustificato – che questi raduni potessero sfidare le gerarchie sociali. Così, in una repressione secolare che ha visto i protestanti criminalizzare il carnevale, i musulmani wahhabiti combattere il sufismo, i colonizzatori europei cancellare i riti estatici dei nativi, i raduni di massa hanno cominciato a essere irregimentati e istituzionalizzati. E tuttavia le esplosioni di gioia collettiva, con la loro carica sovversiva, persistono tuttora. D'altronde, siamo esseri sociali, e la voglia di mascherarsi, danzare, irridere i potenti e condividere l'esultanza con dei perfetti sconosciuti non è affatto facile da reprimere.

introduzione - leggi

recensione di pablito el drito su us/them/yours - leggi

puntata dedicata al libro su qui comincia radio 3 - ascolta

articolo di Ilaria Bellantoni su panorama.it - leggi

recensione di Sando Moiso su carmilla on line - leggi

recensione di Veronica Sicari su cultura al  femminile - leggi
l'autore [scheda autore]
Barbara Ehrenreich (1941-2022), sociologa, oltre ad aver collaborato con le maggiori università americane è anche stata saggista, giornalista e attivista politica.
rassegna stampa
Wed 22 May 2024 - Il T quotidiano
Una storia della gioia collettiva- 0 Kb
Fri 19 Apr 2024 - Internazionale
La gioia di tutti - 147 Kb
materiali
Una storia della gioia collettiva indice e introduzione - pdf- 259 Kb
percorsi di lettura
DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE
POLITICA E SOCIETA'